sfondo
logo AIC Toscana
sostieni AIC

 

FC e AIC

LOGIN



ISCRIVITI Dimenticato la password?
<                                      >
gennaio 2017
lunmarmergiovensabdom
01
02030405060708
09101112131415
16171819202122
23242526272829
3031
Provincia di Massa Carrara Zona di Livorno provincia di Grosseto Provincia di Siena provincia di Arezzo Zona Fiorentina Provincia di Prato Provincia di Pistoia Zona Pisana Zona Lucchese Zona della Versilia Zona Empolese

Associazione Italiana Celiachia ONLUS Toscana

via Boncompagno da Signa, 22/C
50058 - Signa (FI)
P.I. 05197480485
C.F. 94062990489
Tel. 055.8732792
Fax 055.8790627
segreteria-regionale@celiachia-toscana.it
facebook

Orario di apertura segreteria:
dal lunedì al venerdì
9.00-13.00 e 14.00-17.00
la dietista è presente in sede compatibilmente con gli impegni esterni

Le attività di AIC Toscana sono:

> attività di accoglienza e assistenza
> attività di informazione, formazione ed educazione
> attività di promozione 

ATTIVITÀ ACCOGLIENZA E ASSISTENZA

L'Associazione è un punto di riferimento soprattutto per i pazienti neo-diagnosticati che vengono seguiti ed accompagnati nei diversi passaggi che fanno seguito alla diagnosi. AIC infatti si occupa di:

  • educare il paziente e i familiari riguardo alla celiachia
  • favorire l'aderenza alla dieta aglutinata, che sappiamo essere “per tutta la vita”
  • aiutare nell'identificazione dei deficit nutrizionali o delle patologie associate
  • indicare le certificazioni per esenzione dal ticket e per l'erogazione degli alimenti senza glutine
  • invitare allo screening dei familiari di primo grado
  • suggerire follow-up nei centri di riferimento e nei presidi della rete con team multidisciplinare.

I pazienti al momento della diagnosi dovrebbero essere incoraggiati dai medici a contattare l'associazione, perché iscriversi e partecipare significa entrare a far parte di una grande comunità, in cui sentirsi meno soli nell'affrontare e superare lo sconforto del momento della diagnosi e risolvere le problematiche di varia natura che possono eventualmente presentarsi: si condivide, con chi ha esperienza, i possibili dubbi e il modo migliore per affrontare la dieta, si possono ricevere informazioni e consigli su come utilizzare al meglio i prodotti consentiti, si partecipa ad incontri conviviali con persone che vivono la stessa condizione, si trova sempre qualcuno che ascolta e aiuta nella risoluzione dei problemi quotidiani, si può contribuire a sostenere l'Associazione e le sue varie attività.

L'alimentazione è sempre stata una componente fondamentale della cultura, connotando le comunità umane in modo pari al linguaggio e alle espressioni artistiche. I pasti consumati con la propria famiglia o con i propri amici, le feste tradizionali e religiose, sono momenti che strutturano e veicolano interazioni affettive di comunicazione e di socializzazione per l'individuo. Modificare le comuni abitudini alimentari significa intervenire quindi anche sulle dinamiche relazionali in il cibo è inserito. Per questo negli ultimi anni ha trovato sempre più interesse sia nella comunità dei ricercatori, sia tra i medici e i celiaci stessi, l'attenzione verso la componente psicologica della celiachia.

Un'altra sfaccettatura da considerare riguarda poi l’impatto della diagnosi di celiachia sull'identità stessa del paziente, poiché porta l'individuo singolo e tutto il nucleo familiare di appartenenza ad una ridefinizione della propria rappresentazione mentale.

La sede dell'Associazione è a Signa, in via Boncompagno da Signa 22/c. L'attività di accoglienza inizia proprio in questa sede dove, telefonicamente o di persona, i soci possono ricevere le prime informazioni e utili consigli per una dieta senza glutine.A livello locale invece questa attività viene svolta dai Coordinatori provinciali o zonali che organizzano incontri aperti a tutti e sono sempre disponibili telefonicamente. Sono loro che, conoscendo le singole realtà territoriali, possono fornire un valido aiuto nelle situazioni più diverse: con la scuola, con la farmacia, per l’esenzione degli esami, con la dieta o la ricetta del pane. Sicuramente il Coordinatore sarà sempre disponibile a dare una risposta o ad indirizzare verso la persona giusta.

PROGETTI AUTO-AIUTO E COUNSELING NUTRIZIONALE

Negli ultimi anni la necessità di condividere la propria esperienza e confrontarsi con chi vive la stessa situazione, è diventata sempre più crescente. Per questo in molte province, prima per tutti Grosseto, sono stati attivati progetti di sostegno tramite gruppi di auto-aiuto; uno di essi, “Celiachia non solo mia” è attivo presso la sede di Signa.

Accanto a questi, con il progetto regionale “A tavola con la celiachia per non farne una malattia”, inserito nel decreto 6161/2005, sono stati attivati all’interno della Azienda Usl, con la stretta collaborazione di AIC, gruppi di counselling nutrizionale volti a sviluppare corrette abitudini alimentari soprattutto nel soggetto neo-diagnosticato che si trova ad affrontare un notevole cambiamento nelle abitudini della vita quotidiana. A tal fine è stata prodotta appositamente una guida con indicazioni, suggerimenti e ricette.

COORDINAMENTO DEL MEYER

AIC fa parte del Coordinamento associazioni dei genitori presso l'ospedale Meyer di Firenze e mette a disposizione alcuni dei propri volontari per le attività di accoglienza e informazione che sono organizzate negli spazi destinati alle associazioni.

ATTIVITÀ DI INFORMAZIONE, FORMAZIONE ED EDUCAZIONE

MATERIALE INFORMATIVO PER I SOCI (i materiali contrassegnati con l'asterisco sono prodotti a livello nazionale dalla Federazione e distribuiti alle associazioni regionali):

PRONTUARIO DEGLI ALIMENTI*

Una guida utile per la spesa di ogni giorno, che raccoglie i prodotti alimentari ritenuti a “minor rischio” per il celiaco, edita una volta l’anno e mantenuta aggiornata sul sito www.celiachia.it e sulla rivista Celiachia Notizie.

Il Prontuario è una pubblicazione che raccoglie, a seguito di valutazione e controlli a campione, anche quei prodotti che, seppur non pensati specificamente per una dieta particolare, risultano comunque idonei al consumo da parte del soggetto celiaco. A tal fine viene distribuita a tutti i nostri associati (circa 55.000), ai servizi di ristorazione e a tutti coloro che ne facciano richiesta, con un tiratura di circa 90.000 copie. Le aziende produttrici che aderiscono dichiarano l'idoneità dei loro prodotti ad essere consumati anche dai celiaci (quindi con un eventuale contenuto in glutine <20 ppm) e ciò tenendo conto non solo degli ingredienti, ma anche delle possibili contaminazioni durante tutte le fasi di produzione (stoccaggio, lavorazione, confezionamento, ecc.). Dopo una prima esperienza del 1983, i primi dati significativi si hanno nel 1987, con una presenza di 174 referenze e 10 aziende. Per arrivare all'edizione corrente che vanta 10211 prodotti e 397 aziende, a dimostrazione del crescente interesse verso la celiachia e delvalore riconosciuto a questo strumento.

VADEMECUM*

Una pubblicazione periodica, l'ultima del 2008, che informa su tutto il pianeta celiachia. Nasce con l'obiettivo di fornire un’informazione completa delle varie aree di intervento di AIC, dal settore medico/scientifico all’alimentazione, dall'attività istituzionale nazionale e internazionale alla normativa a favore dei celiaci.

CELIACHIA NOTIZIE*

È lo strumento ufficiale di comunicazione quadrimestrale di AIC, che illustra le attività nazionali, raccoglie il confronto sulle problematiche scientifiche, dà voce alle associazioni regionali nonché ai dubbi e alle problematiche dei celiaci.

GUIDA ALIMENTAZIONE FUORI CASA*

Viene inviata ai soci insieme a Celiachia Notizie e contiene l'elenco delle strutture, suddivise per progetti (es. ristorazione, gelaterie, cloazione, b&b, ecc), regioni e province, che hanno aderito al network AIC.

ZOOM

Il notiziario trimestrale della Toscana, che informa sui progetti portati avanti dall’associazione e sulle iniziative organizzate a livello regionale e provinciale: riunioni, assemblee, convegni medici, feste, corsi di cucina, pranzi e cene sociali, partite e tornei di calcio, viaggi e molto ancora.

CORSI DI CUCINA

In tutte le province vengono organizzati periodicamente corsi di cucina rivolti a tutti i soci che chiedono un aiuto ed un consiglio per scoprire i piccoli segreti della cucina senza glutine. È un momento per incontrarsi e conoscersi da cui spesso nascono nuove amicizie.

INCONTRI MENSILI CON I SOCI

Ciascun Coordinatore nella propria zona/provincia promuove iniziative (punti informativi, incontri mensili con i soci) e intrattiene rapporti con le istituzioni.

CONVEGNI MEDICI

AIC Onlus Toscana è stata più volte partner nell’organizzazione di convegni medici, quale il Convegno Internazionale tenutosi a Firenze nei giorni 15/17 aprile 2005, che ha riunito i massimi studiosi di celiachia di tutto il mondo ed è stato sicuramente il più importante degli ultimi anni. Nel corso del 2008 si è svolto il “Meeting in gastroenterologia” a Massa, il convegno “Celiachia: dieta e non solo…” a Pisa e il convegno “Giornata studio sulla celiachia per medici e pediatri” a Prato.

FORMAZIONE MENSE SCOLASTICHE, OSPEDALIERE E PUBBLICHE

Una attività che negli ultimi tempi sta crescendo sempre di più è la partecipazione di AIC all’organizzazione e realizzazione di corsi per l'aggiornamento del personale delle mense scolastiche. Nel corso del 2008 si sono tenuti a Montevarchi, Arcidosso e nella Valdera, 11 corsi con circa 200 operatori formati. È stato svolto anche un corso presso l’Ospedale Le Scotte di Siena e un corso rivolto ad operatrici del settore alimentare di nazionalità straniera. A tutti questi corsi hanno partecipato docenti che fanno parte del CSR di AIC.

ATTIVITÀ DI PROMOZIONE

SQUADRA DI CALCIO

La squadra di calcio AIC Toscana è nata nell'aprile del 2006 a Firenze, con lo scopo di riunire i soci anche nelle attività sportive e raccogliere fondi da destinare e impiegare nelle varie attività dell’associazione. È partita con una formazione di 15 giocatori di cui molti celiaci. Oltre alle varie occasioni di gioco che vengono proposte a livello locale, ogni anno la squadra è impegnata a disputare il torneo nazionale fra 11 Associazioni AIC regionali che si svolge ogni volta in una regione diversa.

Il presidente di AIC Toscana è anche dirigente della squadra e si avvale di un accompagnatore ufficiale (che è il Coordinatore del gruppo giovani) e di un commissario tecnico che guidano la squadra nelle varie occasioni di gioco. Nel corso del 2008 il campionato si è svolto a Paestum e AIC Toscana si è qualificata all'ottavo posto.

FESTE, MANIFESTAZIONI ED EVENTI

L'Associazione è presente con un proprio stand durante le feste locali quali Feste di primavera, sagre, mercati gastronomici. È un'occasione per fare conoscere l'Associazione, incontrare i propri soci, far assaggiare i prodotti senza glutine.

pagina aggiornata il 15/11/2016