sfondo
logo AIC Toscana
sostieni AIC

 

FC e AIC

LOGIN



ISCRIVITI Dimenticato la password?
<                                      >
aprile 2017
lunmarmergiovensabdom
0102
03040506070809
10111213141516
17181920212223
24252627282930
Provincia di Massa Carrara Zona di Livorno provincia di Grosseto Provincia di Siena provincia di Arezzo Zona Fiorentina Provincia di Prato Provincia di Pistoia Zona Pisana Zona Lucchese Zona della Versilia Zona Empolese

Associazione Italiana Celiachia ONLUS Toscana

via Boncompagno da Signa, 22/C
50058 - Signa (FI)
P.I. 05197480485
C.F. 94062990489
Tel. 055.8732792
Fax 055.8790627
segreteria-regionale@celiachia-toscana.it
facebook

Orario di apertura segreteria:
dal lunedì al venerdì
9.00-13.00 e 14.00-17.00
la dietista è presente in sede compatibilmente con gli impegni esterni

delibera 1036/2005

La Delibera GR 1036 del 24 ottobre 2005 “Linee guida per la vigilanza sulle imprese alimentari che preparano e/o somministrano alimenti preparati con prodotti privi di glutine e destinati direttamente al consumatore finale” segna un importantissimo traguardo per i celiaci toscani e nuovamente porta la Regione Toscana ad essere la prima in Italia ad aver normato l’attività di ristorazione. La delibera riconosce ai celiaci il diritto di poter consumare in tutta tranquillità un pasto s.g. fuori casa, al ristorante, in pizzeria, nelle mense pubbliche. Per la prima volta si riconosce la necessità di gestire in maniera strutturata la ristorazione senza glutine, ampliando un progetto dell’AIC nazionale in un documento di istituzione pubblica come la Regione Toscana. L’informazione ai ristoratori diventa vera e propria formazione tenuta da Aziende USL in collaborazione con AIC. Il documento individua tutti i passaggi, dallo stoccaggio delle materie prime (anche congelate) alla lavorazione e poi somministrazione, prevedendo l’adeguamento dei piani di autocontrollo (Haccp). Tutti gli operatori devono seguire un corso di formazione specifico sulla celiachia, tenuto da medici, dietisti, tecnici della prevenzione, cuochi, tutti con una comprovata esperienza professionale nell’ambito della celiachia. La Azienda USL ha il compito di vigilare sul rispetto delle regole.



> 8_delib. linee guida 1036-2005.pdf
> 8_delib. linee guida 1036-2005 allegati.pdf
pagina aggiornata il 04/04/2015