sfondo
logo AIC Toscana
sostieni AIC

 

FC e AIC

LOGIN



ISCRIVITI Dimenticato la password?
<                                      >
ottobre 2018
lunmarmergiovensabdom
01020304050607
08091011121314
15161718192021
22232425262728
293031
Provincia di Massa Carrara Zona di Livorno provincia di Grosseto Provincia di Siena provincia di Arezzo Zona Fiorentina Provincia di Prato Provincia di Pistoia Zona Pisana Zona Lucchese Zona della Versilia Zona Empolese

Associazione Italiana Celiachia ONLUS Toscana

via Boncompagno da Signa, 22/C
50058 - Signa (FI)
P.I. 05197480485
C.F. 94062990489
Tel. 055.8732792
Fax 055.8790627
segreteria-regionale@celiachia-toscana.it
facebook

Orario di apertura segreteria:
dal lunedì al venerdì
9.00-13.00 e 14.00-17.00
la dietista è presente in sede compatibilmente con gli impegni esterni

01/03/2018

Le persone celiache non possono fare un'eccezione

Sandra è una pasticcera celiaca che partecipa come concorrente al programma Cake Star su Real Time.

 

https://it.dplay.com/realtime/cake-star/stagione-1-episodio-2-lucca/

 

Mentre si racconta al pubblico dice di aver scoperto la celiachia e di aver proseguito con entusiasmo la sua attività in pasticceria aggiungendo alla sua produzione diverse proposte senza glutine.

 

Come evidenziato da numerosi spettatori, seguendo il regolamento del gioco anche Sandra assaggia le creazioni dei suoi due avversari, dolci che però non sono pensati per celiaci. Sandra chiede ai suoi avversari di poter assaggiare pasticcini senza glutine ma, laddove non è possibile, fa un’eccezione.

 

Dobbiamo evitare che il pubblico recepisca un messaggio errato.

 

Il comportamento di Sandra ci dà l’occasione per ricordare che la celiachia è una malattia cronica e irreversibile che colpisce l’1% della popolazione generale. Malattia ancora difficilmente diagnosticabile (su 600 mila celiaci che dovremmo avere in Italia, solo 1/3 sono già diagnosticati), l’unica cura oggi nota è la rigorosa dieta senza glutine per tutta la vita. Per i pazienti celiaci l’esclusione del glutine dalla dieta non è una scelta alimentare ma l'unica terapia, vero e proprio "salvavita". I pazienti celiaci possono consumare i prodotti naturalmente privi di glutine e i prodotti sostitutivi, il cui contenuto di glutine è inferiore ai 20 ppm (20 mg/kg), caratterizzati dal claim “senza glutine” in etichetta (per informazioni: http://www.celiachia.it/dieta/Dieta... )

 

Non esistono diversi gradi di celiachia e non è possibile “fare un’eccezione”.

 

La celiachia si può presentare con quadri clinici differenti e colpire diversi organi, oltre l’intestino. Indipendentemente dalla severità clinica dei sintomi, il danno è sempre presente se si assume glutine; esiste un'unica diagnosi di celiachia e un unico trattamento: una rigorosa dieta senza glutine, rigorosa e per tutta la vita. Non si è quindi "più o meno celiaci" e non esistono "livelli più o meno gravi di celiachia". Trasgredire volontariamente alla dieta o non prestare attenzione alle contaminazioni è dannoso per tutte le persone celiache allo stesso modo, anche in assenza di sintomi.

 

Per saperne di più sulla celiachia e la dieta senza glutine:

 



pagina aggiornata il 19/03/2018