accedi-icon

Bezzini: “Toscana modello di riferimento per capacità di diagnosi e database”

cop

In Toscana lo 0,48% della popolazione ha ricevuto una diagnosi di celiachia, un dato significativo a fronte di una media nazionale dello 0,39%. Anche nel 2021, nonostante la pandemia abbia ridotto le attività ambulatoriali, sono state effettuate 661 diagnosi.

“Questi numeri – ha spiegato l’assessore regionale alla sanità Simone Bezzini intervenendo al workshop “La diagnosi di celiachia e dermatite erpetiforme in Toscana” – mostrano l’efficienza del nostro sistema sanitario, le sue buone capacità di diagnosi, grazie anche al lavoro di rete che non si è mai fermato nemmeno durante la pandemia”.

Il workshop, che si è tenuto ieri a Firenze, è stato organizzato da Regione Toscana in collaborazione con Associazione Italiana Celiachia e Fondazione Toscana Gabriele Monasterio.

La celiachia è stata inserita, insieme alla dermatite erpetiforme, tra le malattie croniche nel 2017 e da allora è in carico al Settore regionale Organizzazione delle Cure e Percorsi di Cronicità. La Regione Toscana al riguardo ha istituito un tavolo regionale permanente, che si è occupato del percorso assistenziale per i celiaci ed ha istituto il database toscano per la diagnosi e la certificazione della celiachia.

“Questo database – ha spiegato Bezzini – è un fiore all’occhiello della Toscana, che è stata l’unica regione ad averlo istituito da quando è avvenuto il passaggio dall’elenco delle malattie rare a quello delle malattie croniche. Attualmente rappresenta un esempio ed un modello di eccellenza in Italia”.

In Toscana, inoltre, è riconosciuta l’esenzione dal ticket per le indagini genetiche relative alla diagnosi di celiachia e di dermatite erpetiforme, sia al paziente che ai suoi familiari di primo grado (genitori, figli, fratelli, sorelle).  “Tutto questo non sarebbe stato possibile senza l’esistenza di una rete regionale, il vero valore aggiunto – ha proseguito l’assessore – con la collaborazione tra presidi di rete, centri regionali di riferimento, Associazione Italiana Celiachia e Fondazione Toscana Gabriele Monasterio. A tutti loro va un sentito ringraziamento per il lavoro di squadra che ogni giorno svolgono”.

Il nostro presidente, Giuseppe Giura, nel suo intervento ha evidenziato il ruolo fondamentale del database nelle diagnosi che assolve a tre importanti funzioni: assicurare un percorso diagnostico efficace; garantire un’integrazione permanente tra i vari attori del percorso; fornire dati epidemiologici in tempo reale.

Continuando nel suo intervento Giura ha chiesto a Regione Toscana di farsi carico per essere trainante del progetto sulla circolarità dei buoni digitali per l’acquisto dei prodotti senza glutine tra le regioni che utilizzano lo stesso software applicativo.

Infine, ha ribadito l’importanza del tavolo permanente per rispondere alle esigenze dei celiaci toscani.

Questo sito web utilizza cookies tecnici e di terze parti, anche di analisi statistica, al fine di migliorare l’esperienza di navigazione e le funzionalità. I cookie di analisi possono essere trattati per fini non tecnici dalle terze parti. Per avere maggiori informazioni e negare il consenso ai cookies clicca qui